il pastore maremmano abruzzese nel mondo del lavoro
English  -  Italiano

HOME

Cane Corso

La storia del
Cane Corso

Gli impieghi del Cane Corso

Cane CORSO:
A tu per tu con l’allevatore


Pastore
Maremmano
Abruzzese

La storia del Pastore
Maremmano
Abruzzese

Pastore Maremmano
Abruzzese
al lavoro

Pastore Maremmano Abruzzese:
A tu per tu con l’allevatore

Immagini
allevamento

Agli amici

Video

Dove Siamo

 

 

 

Dove Trovarci:
Montanari Giuseppe
Tel. 0173 64857 - Cell. 338 2061285
Fraz. Valdoza n°1 12066
Monticello d'Alba  CN - Piemonte
  

 

  Sono disponibili maschi per accoppiamento.
Cell. 338 2061285
 




Esemplare Maschile Rustico
di proprietà di Amatore Celano (L'Aquila)




Pastore Maremmano Abruzzese al lavoro sulle Alpi Piemontesi
ECO maschio 3 mesi
Impara il lavoro per cui è stato selezionato da secoli

Il pastore mostra orgoglioso il suo cane da pastore abruzzese Trasacco (L'Aquila)

.

.
 

 

 

Si cedono cuccioli già avviati al lavoro con il gregge .

Il cane abruzzese frammisto alle sue protette. A differenza del cane toccatore, che si mantiene sempre all'esterno del gregge, il cane guardiano si lascia anche circondare.

Come si può notare dalle foto ne' i cani ne' le pecore hanno timore di entrambi e vivono in perfetta simbiosi fra loro.

 

Legami sociali. Durante il primo anno l’addestramento deve insistere sulla formazione del legame tra cane e pecora. A tal fine è fondamentale il contatto del cucciolo con gli ovini subito dopo lo svezzamento. Giovani cuccioli tenuti confinati assieme alle pecore hanno più probabilità da adulti di preferire la compagnia di queste a quella di uomini o di altri cani. Nello stesso tempo agnelli cresciuti con un cane vicino svilupperanno un attaccamento per quell’individuo.
Il punto chiave per ottenere un soddisfacente legame cane-pecora è che il condizionamento è necessario per ambedue le parti.

Pastore al lavoro


.

.
 

 

 

Soggetti di Pastore Maremmano Abruzzese usati per la difesa del gregge sulle Alpi piemontesi.

 

Esemplare Maschile Rustico adibito al lavoro con le pecore.

Allevando il tuo cucciolo con le pecore. Sin dal primo momento è importante tenere il cane con il gregge ed evitare contatti con la casa, la gente e altri cani. Occorre rinchiudere il cucciolo appena svezzato con sei o piu’ pecore. Un argentario texano iniziò cos’ con il suo nuovo cucciolo. Regolarmente sostituiva le pecore nel recinto in modo che tutte potessero conoscere il cane. Fuori dalla recinzione l’uomo aveva collocato una salina per attrarre il piu’ possibile gli ovini e favorire il contatto. Per fare sfogare il cane, l’allevatore lo faceva uscire più volte alla settimana. A cinque mesi il cucciolo veniva lasciato libero di giorno e rimesso nel recinto per la notte. A otto mesi era ormai sempre libero. Il recinto divenne la dimora del cane e il punto di riferimento del gregge. L’allevatore usava chiudere il cane quando lasciava l’azienda per un giorno o due.
Questa procedura è servita per lasciare il cane sui pascoli lontani da casa e senza la presenza dell’uomo. E’ da tenere presente che un cucciolo non ha la mole e la forza di affrontare i predatori per cui, potrebbe subire qualche brutta esperienza che gli impedirebbe di diventare un coraggioso custode.


In occasione dei parti le pecore sono particolarmente vulnerabili ai predatori ed il Pastore Maremmano Abruzzese deve mostrarsi quanto mai premuroso. Qui il cane tiene nelle immediate vicinanze degli agnelli.

Gruppo di cani esportati negli Stati Uniti per proteggere le pecore dai coyoti e dai cani randagi

avanti - cuccioli

 

Tel. 0173 64857 - Cell. 338 2061285 Fraz. Valdoza n1 12066 Monticello d'Alba (CN)